Advertisement skip to Main Content

Inflazione

La Bce continuerà ad alzare i tassi dopo i dati euro su pil e inflazione?

Gli ultimi dati europei su pil e inflazione indicano chiaramente che la Bce alzerà i tassi a settembre. Il commento di Tomasz Wieladek, Chief European Economist, T. Rowe Price.

La scorsa settimana la Bce ha confermato il passaggio alla piena dipendenza dai dati. Nei giorni passati sono stati rilasciati due dati importanti per orientare ulteriormente i mercati su ciò che probabilmente accadrà a settembre.

COME VA IL PIL NELL’AREA EURO

Il Pil dell’area dell’euro è cresciuto dello 0,3% nel secondo trimestre e la recessione tecnica prevista a inizio anno è stata rivista. Si tratta di un dato superiore alle aspettative del consenso, nonostante alcuni dati sulla crescita fossero già stati diffusi venerdì. Tuttavia, nonostante questa performance migliore del previsto, vi sono prove di debolezza della domanda interna. Sebbene la Francia abbia registrato una crescita dello 0,5% nel secondo trimestre, questa è stata trainata dalle prossime esportazioni che hanno più che compensato la debolezza della domanda interna. L’economia italiana si è ridotta dello 0,3% nel secondo trimestre a causa della debolezza della domanda interna. L’economia tedesca ha ristagnato. Tuttavia, nonostante la chiara evidenza dell’indebolimento della domanda interna a livello nazionale, e quindi la prova che la politica monetaria sta funzionando, la crescita dell’area euro ha sorpreso complessivamente al rialzo. È importante notare che la recessione tecnica dello scorso inverno è stata rivista, quindi, i dati recenti potrebbero indurre la Bce a dare meno peso alla recente debolezza delle analisi sull’attività.

I DATI SULL’INFLAZIONE CPI

I dati sull’inflazione CPI core dell’area euro hanno sorpreso il consenso al rialzo, nonostante la disponibilità dei dati CPI dei singoli paesi per Germania, Francia e Spagna di venerdì scorso. Mentre l’inflazione complessiva è scesa dal 5,5% al 5,3% a luglio, l’inflazione CPI core, che è quella che interessa alla Bce, è rimasta al 5,5% a luglio, lo stesso valore di giugno. È importante notare che l’inflazione dei servizi è salita al 5,6% annuo a luglio dal 5,4% annuo di giugno. La dinamica mensile dell’inflazione dei servizi è passata dallo 0,4% di giugno allo 0,6% di luglio. Quindi, su base mensile, l’inflazione dei servizi annualizzata è salita dal 4,8% di giugno al 7,2% di luglio. Non c’è dubbio che una parte di questa resistenza nei dati dell’inflazione CPI di questa mattina sia dovuta a effetti statistici, come le variazioni dei pesi. Tuttavia, sarà molto difficile distinguere questo dato da un aumento dell’inflazione dei servizi dovuto a fattori economici. Riteniamo che una Bce cauta darà maggior peso alle spiegazioni economiche alla base dell’ultimo aumento dell’inflazione CPI dei servizi.

COSA FARÀ LA BCE CON I TASSI A SETTEMBRE

Questi dati indicano chiaramente che la Bce, che dipende dai dati, alzerà i tassi a settembre. Sebbene la componente della domanda interna della crescita si sia chiaramente indebolita, la crescita complessiva dell’area euro nel secondo trimestre è stata comunque più forte del previsto. È importante notare che la crescita del Pil dell’area euro rivista lo scorso inverno si è rivelata chiaramente più forte di quanto implicito nelle indagini sull’attività dello scorso inverno. Chiaramente, i dati che interessano maggiormente alla Bce sono quelli relativi all’inflazione. L’inflazione CPI dei servizi, che sta più a cuore alla Bce, è risultata più forte del previsto sia su base annua che su base mensile. Ci sarà un’altra pubblicazione di dati sull’inflazione il 31 agosto, l’indagine della Bce sulle aspettative dei consumatori l’8 agosto e i salari negoziati nell’area euro ad agosto, il tutto prima della riunione di settembre. A meno che questi dati non risultino molto più deboli del previsto, ritengo che i dati di oggi indichino chiaramente alla Bce di procedere a un rialzo a settembre.

È interessante notare che i mercati finanziari non hanno reagito come ci si aspetterebbe. I mercati monetari quotano solo il 33% di possibilità di un rialzo a settembre. Il rendimento del Bund a 2 anni ha annullato il sell-off iniziale. La reazione dell’euro è stata modesta. Anche se tutti i dati finora indicano un rialzo della Bce, i mercati finanziari continuano a scommettere che non avverrà a settembre. Forse sono necessari altri dati per convincere i mercati finanziari, ma spesso i mercati sono lenti a rispondere ai dati, soprattutto in estate. Ritengo quindi plausibile un repricing in vista della decisione della Bce di settembre.

Back To Top