Economia

Perché Bankitalia sbanca Ing-Conto Arancio sull’antiriciclaggio

di

Ecco il provvedimento della Banca d’Italia sul gruppo olandese Ing Bank

 

La Banca d’Italia ha sospeso le operazioni sulla nuova clientela della succursale italiana di Ing Bank.

Il provvedimento per il gruppo olandese noto per il Conto Arancio è stato adottato dopo verifiche ispettive, condotte dal 1° ottobre 2018 al 18 gennaio 2019, dalle quali sono emerse carenze nel rispetto della normativa in materia di antiriciclaggio. La clientela in essere, precisa Bankitalia, non è toccata dal provvedimento.

Ing Bank ha comunicato di essere già attivamente impegnata nel rafforzare il suo complessivo sistema dei controlli antiriciclaggio. L’impegno a realizzare rapidamente un piano di rimedio per affrontare e rimuovere le carenze della succursale italiana consentirà alla Banca d’Italia di verificare che le debolezze sul fronte antiriciclaggio siano pienamente rimosse al fine di poter revocare il provvedimento.

ING, spiega l’istituto in una nota, è stata informata da Banca d’Italia in merito ai risultati del report e “analizzerà i risultati dell’ispezione condotta da ottobre 2018 a gennaio 2019 e li approfondirà ulteriormente con Banca d’Italia”.

“In linea con il programma di miglioramento annunciato lo scorso anno, ING ha intrapreso il percorso necessario per potenziare i processi e la gestione dei rischi di compliance come richiesto da Banca d’Italia”, ha aggiunto il gruppo olandese.

“In stretta collaborazione e accordo con Banca d’Italia, ING Italia sospenderà le attività di acquisizione di nuovi clienti durante il periodo necessario per approfondire i piani di miglioramento con Banca d’Italia”, è scritto in un comunicato.

Ing assicura inoltre” che continuerà a offrire pieno servizio ai clienti esistenti in Italia. Nei prossimi giorni ING lavorerà con impegno per indirizzare le mancanze e risolvere le criticità identificate”.

ECCO IL COMUNICATO DELLA BANCA D’ITALIA

La Banca d’Italia, con provvedimento del 12 marzo 2019, ai sensi dell’art. 7, comma
2 del d.lgs. 231/07 e dell’art. 79, comma 4 del TUB, ha imposto alla succursale italiana
della ING Bank di astenersi dall’intraprendere operazioni con nuova clientela. La clientela
in essere non viene toccata dal provvedimento.
La Banca d’Italia ha adottato tale provvedimento a seguito di verifiche
ispettive, condotte dal 1° ottobre 2018 al 18 gennaio 2019, dalle quali sono emerse
carenze nel rispetto della normativa in materia di antiriciclaggio.
ING Bank ha comunicato di essere già attivamente impegnata nel rafforzare il suo
complessivo sistema dei controlli antiriciclaggio. L’impegno a realizzare rapidamente un
piano di rimedio per affrontare e rimuovere le carenze della succursale italiana consentirà
alla Banca d’Italia di verificare che le debolezze sul fronte antiriciclaggio siano pienamente
rimosse al fine di poter revocare il provvedimento. 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati