Economia

Arcuri sballotta Consip sulle forniture anti Covid-19. Scoop di Fatto e Verità

di

consip

Il Fatto Quotidiano e La Verità hanno svelato che cosa si è detto nella riunione tra il commissario governativo Arcuri e gli esponenti delle regioni. Alle critiche di governatori e assessori regionali, Arcuri si è difeso additando ritardi e modus operandi della Consip. Tutti i dettagli

Scoop del Fatto Quotidiano e del quotidiano La Verità.

““Almeno la metà dei ventilatori della gara Consip verrà consegnata solo alla fine dell’emergenza che, come noto, non si prevede breve”. Quando Domenico Arcuri rivela che più di qualcosa sta andando storto nella gestione degli approvvigionamenti, la videoconferenza (di cui rimangono dei file audio) organizzata ieri mattina con le Regioni in lotta contro il coronavirus si è già trasformata in una rissa. E le sue parole non placano gli animi, anzi”.

CHE COSA HA SVELATO IL FATTO QUOTIDIANO

Così inizia l’articolo del Fatto Quotidiano di oggi. L’articolo svela – audio alla mano – che cosa si è detto nella riunione tra il commissario nominato dal governo Conte con i rappresentanti delle Regioni per fare il punto sulle forniture indispensabili per fronteggiare la pandemia da Covid-19.

ATTESE E CRITICHE DELLE REGIONI

Dalla Lombardia alla Puglia sono emerse richieste, aspettative e critiche verso la gestione delle forniture di emergenza: le richieste di mascherine, dispositivi di protezione e bombole di ossigeno non sono state ancora esaudite o sono in ritardo o sono ancora in fase di progettazione.

CHE COSA HA DETTO ARCURI CONTRO CONSIP

Alle critiche degli esponenti delle regioni, Arcuri (che non ha lasciato la carica di amministratore delegato della holding pubblica Invitalia) scarica le responsabilità su un’altra società pubblica, la Consip, “la centrale acquisti della Pubblica amministrazione controllata dal ministero dell’Economia che nella prima fase dell’emergenza è riuscita ad accaparrarsi ottomila ventilatori per le rianimazioni. Ma a oggi – continua il Fatto – solo sulla carta, a sentire Arcuri: “Ho preso atto che se ne arrivano la metà saremmo già gli uomini più felici della terra”. Ma queste parole e le altre che pronuncia non fanno breccia. E così riattacca: “Mi prendo carico delle responsabilità e dei risultati del commissario, ma non di Consip che è un fornitore della Protezione civile che quasi sempre non rispetta le tabelle di consegna” spiega cercando poi di smussare i toni: “Consip ha fatto una gara molto in fretta purtroppo in un momento di emergenza profondo: ha raccolto le offerte dei produttori e obiettivamente non ha responsabilità per i mancati arrivi. Ma certamente ha quella di non saper pianificare questi arrivi. È inaccettabile che non ci dica per tempo che le consegne programmate invece non avverranno”. E poi affonda il colpo: “Da un paio di giorni sono riuscito a farmi fare uno schema da loro: ho preso atto che almeno il 50 per cento dei ventilatori acquistati verrà consegnato alla fine dell’emergenza che non sarà breve. Spero che almeno l’altro 50 per cento riusciremo a portarvelo””.

SCOOP E COMMENTO DE LA VERITA’

Dopo aver svelato quanto si è detto nella riunione, La Verità ha aggiunto a commento dello scoop: “Disastro comunicativo e gestionale. Per di più nelle riunioni fiume di questi giorni sta avanzando sempre più l’ipotesi che alla fine saranno proprio le Regioni a dover aiutare il governo centrale. Del resto, se neanche la Consip può garantire il rifornimento, come si riuscirà a tutelare la salute dei cittadini?”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati