Advertisement skip to Main Content

Apple Dipendenti

Apple ha violato i diritti dei dipendenti?

Alcune politiche sul posto di lavoro di Apple "tendono a frenare i dipendenti" che tentano di far valere i propri diritti sul lavoro. Lo ha rilevato il National Labour Relations Board, l'agenzia federale che protegge i diritti dei lavoratori nel settore privato

Pare che Cupertino non sia “the best place to work”.

Secondo gli agenti del National Labor Relations Board (Nlrb), l’agenzia indipendente del governo federale degli Stati Uniti che si occupa di garantire il rispetto del diritto del lavoro, Apple ha violato i diritti dei dipendenti. Lo ha rivelato per primo Bloomberg.

Apple ha imposto illegalmente regole ai propri dipendenti che vietano loro di discutere i loro salari e di impegnarsi in altre attività protette, sostiene il National Labor Relations Board.

I risultati delle indagini dell’agenzia federale hanno stabilito che “varie regole di lavoro, regole del manuale e regole di riservatezza in Apple” sono illegali perché “tendono ragionevolmente a interferire, frenare o costringere i dipendenti” che tentano di far valere i propri diritti sul lavoro, ha dichiarato Kayla Blado, portavoce dell’agenzia alla Cnn.

Non è la prima volta che il colosso di Cupertino si scontra con il National Labor Relations Board per la gestione dei lavoratori che cercavano di iscriversi al sindacato nei suoi negozi al dettaglio.

Se da una parte l’agenzia non ha il potere di imporre sanzioni, l’Nlrb può comunque costringere i datori di lavoro a implementare “rimedi” alle loro pratiche scorrette. A meno che Apple non trovi un accordo, l’Nlrb presenterà un reclamo contro la società.

Tutti i dettagli.

LE CONDOTTE DI APPLE CHE VIOLANO I DIRITTI DEI DIPENDENTI

La portavoce del National Labor Relations Board ha affermato che nell’ambito dell’indagine un ufficio regionale dell’Nlrb “ha trovato fondamenti alle accuse riguardo le condotte da parte di Apple, compresi i dirigenti di alto livello, anche in violazione del National Labor Relations Act”.

Le indagini dell’agenzia derivano da casi avanzati nel 2021 dagli ex dipendenti di Apple Ashley Gjovik e Cher Scarlett segnala Bloomberg. In particolare, Scarlett ha accusato la società tech di imporre regole di lavoro che “vietano ai dipendenti di discutere salari, ore o altri termini o condizioni di lavoro”.

NEL MIRINO ANCHE LA CONDOTTA DEL CEO TIM COOK

Ma oltre alle politiche di lavoro, nel mirino è finita anche la condotta del ceo Tim Cook.

In una e-mail a TechCrunch, Gjovik ha spiegato che le politiche occupazionali di Apple “mettono a tacere coercitivamente i dipendenti Apple e impediscono loro di impegnarsi in attività protette attraverso termini troppo ampi e vaghi, nonché attraverso l’implicazione di una sorveglianza costante”. Gjovik ha presentato una serie di documenti come parte del suo reclamo NLRB, inclusa un’e-mail del ceo Cook che prometteva di reprimere le fughe di informazioni all’interno dell’azienda.

LE CLAUSOLE DI RISERVATEZZA INTIMIDATORIE

L’ex dipendente che ha citato l’e-mail di Cook nelle sue accuse, Ashley Gjovik, ha detto alla Cnn che non intende accettare alcuna offerta da parte di Apple perché spera di costringere l’azienda a riconoscere di aver violato il diritto del lavoro e a modificare le politiche che applica ai suoi dipendenti.

“Non hanno solo una sensazione di impunità, ma in realtà ce l’hanno con queste politiche”, ha detto Gjovik, indicando molteplici clausole di riservatezza nel manuale dei dipendenti di Apple che, secondo lei, consentono ad Apple di intimidire i lavoratori costringendoli al silenzio con i timori di ritorsioni sul posto di lavoro.

LE CONSEGUENZE PER IL COLOSSO DI CUPERTINO

Le determinazioni potrebbero esercitare pressioni su Apple affinché risolva le accuse o rischiare di dover affrontare una denuncia formale da parte dei pubblici ministeri dell’NLRB in un procedimento di diritto amministrativo interno, che potrebbe tradursi in un ordine di modifica delle pratiche commerciali di Apple.

A meno che Apple non si accordi, il direttore regionale del consiglio emetterà una denuncia contro la società con sede a Cupertino, in California, ha dichiarato la portavoce del National Labor Relations Board.

 

Back To Top