Advertisement skip to Main Content

Live Nation Entertainment

Perché Live Nation Entertainment è finita al centro di un super causa antitrust

Il colosso Usa della vendita di biglietti Live Nation Entertainment, proprietario di Ticketmaster, è accusato di monopolio e pratiche anticoncorrenziali nella gestione degli eventi nel Paese. Tutti i dettagli nell'articolo del New York Times

 

Giovedì il Dipartimento di Giustizia ha citato in giudizio Live Nation Entertainment, il gigante dei concerti che possiede Ticketmaster, chiedendo a un tribunale di smantellare la società per le accuse di aver mantenuto illegalmente un monopolio nel settore dell’intrattenimento dal vivo. Scrive il New York Times.

LE ACCUSE A LIVE NATION

Nella causa, a cui hanno aderito 29 Stati e il Distretto di Columbia, il governo accusa Live Nation di dominare l’industria bloccando i locali in contratti di biglietteria esclusivi, facendo pressione sugli artisti affinché utilizzino i suoi servizi e minacciando i rivali di punizioni finanziarie.

Queste tattiche, sostiene il governo, hanno portato a un aumento dei prezzi dei biglietti per i consumatori e hanno soffocato l’innovazione e la concorrenza nel settore.

“È giunto il momento di smantellare Live Nation-Ticketmaster”, ha dichiarato Merrick Garland, procuratore generale, in un comunicato che annuncia la causa, depositata presso la Corte distrettuale degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York. La causa chiede al tribunale di ordinare “la cessione di Ticketmaster, come minimo”, e di impedire a Live Nation di intraprendere pratiche anticoncorrenziali.

UN MONOPOLIO

L’azione legale è una sfida diretta all’attività di Live Nation, un colosso dell’industria dell’intrattenimento e una forza nella vita di musicisti e fan. Il caso, presentato 14 anni dopo l’approvazione da parte del governo della fusione di Live Nation con Ticketmaster, ha il potenziale di trasformare l’industria multimiliardaria dei concerti.

Le dimensioni e la portata di Live Nation superano di gran lunga quelle di qualsiasi concorrente, comprendendo la promozione di concerti, la vendita di biglietti, la gestione di artisti e la gestione di centinaia di sedi e festival in tutto il mondo.

Secondo il Dipartimento di Giustizia, Live Nation controlla circa il 60% delle promozioni dei concerti nei principali locali degli Stati Uniti e circa l’80% della biglietteria primaria dei principali locali.

I legislatori, i fan e i concorrenti hanno accusato l’azienda di adottare pratiche che danneggiano i rivali e fanno lievitare i prezzi e le tariffe dei biglietti. All’inizio dell’anno scorso, in occasione di un’udienza del Congresso, motivata da una prevendita del tour di Taylor Swift su Ticketmaster che ha impedito a milioni di persone di acquistare i biglietti, i senatori di entrambi i partiti hanno definito Live Nation un monopolio.

Nella sua denuncia, il Dipartimento di Giustizia fa riferimento alle numerose tasse aggiuntive come “essenzialmente una ‘Ticketmaster Tax’ che finisce per aumentare il prezzo pagato dai fan”.

LA RISPOSTA DI LIVE NATION

In risposta all’azione legale, Live Nation ha negato di essere un monopolio e ha affermato che la sua separazione non comporterebbe una riduzione dei prezzi dei biglietti o delle tariffe. Secondo l’azienda, gli artisti e le squadre sportive sono i principali responsabili della definizione dei prezzi dei biglietti, mentre altri partner commerciali, come i locali, fanno la parte del leone con i sovrapprezzi.

In una dichiarazione, Dan Wall, vicepresidente esecutivo di Live Nation per gli affari societari e normativi, ha affermato che la causa del Dipartimento di Giustizia ha fatto seguito a “intense pressioni politiche”.

La tesi del governo, ha aggiunto Wall, “ignora tutto ciò che è effettivamente responsabile dell’aumento dei prezzi dei biglietti, dall’aumento dei costi di produzione alla popolarità degli artisti, fino al bagarinaggio online 24 ore su 24, 7 giorni su 7, che rivela la disponibilità del pubblico a pagare molto di più di quanto costano i biglietti primari”.

L’azienda afferma inoltre che la sua quota di mercato nel settore della biglietteria è diminuita negli ultimi anni, in quanto si trova a competere con i rivali per aggiudicarsi gli affari.

ANCHE APPLE, GOOGLE, AMAZON E META ALLA PROVA DELLE LEGGI ANTITRUST

Negli ultimi anni, le autorità di regolamentazione americane hanno citato in giudizio altre grandi aziende, mettendo alla prova le secolari leggi antitrust contro il nuovo potere esercitato dalle grandi aziende sui consumatori.

Il Dipartimento di Giustizia ha citato in giudizio Apple a marzo, sostenendo che l’azienda ha reso difficile ai clienti abbandonare i suoi dispositivi, e ha già intentato due cause sostenendo che Google ha violato le leggi antitrust. L’anno scorso la Federal Trade Commission ha intentato una causa antitrust contro Amazon per aver danneggiato i venditori sulla sua piattaforma e ne sta portando avanti un’altra contro Meta, in parte per le sue acquisizioni di Instagram, Facebook e WhatsApp.

LE MINACCE (PIÙ O MENO ESPLICITE) DI LIVE NATION

Il Dipartimento di Giustizia ha permesso a Live Nation, il più grande promotore di concerti al mondo, di acquistare Ticketmaster nel 2010 a determinate condizioni stabilite in un accordo legale. Se i locali non utilizzavano Ticketmaster, ad esempio, Live Nation non poteva minacciare di ritirare i tour dei concerti. Nel 2019, tuttavia, il Dipartimento di Giustizia ha scoperto che Live Nation aveva violato tali condizioni e ha modificato ed esteso l’accordo con la società.

Nella causa fornita al New York Times, il Dipartimento di Giustizia sostiene che Live Nation ha sfruttato i rapporti con i partner per tenere i concorrenti fuori dal mercato. La richiesta è di un processo con giuria.

La denuncia del governo sostiene che Live Nation ha minacciato i locali di perdere l’accesso a tour popolari se non avessero utilizzato Ticketmaster. Secondo il governo, la minaccia poteva essere esplicita o semplicemente implicita, comunicata tramite intermediari, e poteva anche bloccare gli artisti che non lavoravano con l’azienda dall’utilizzare i suoi locali.

IL COMPORTAMENTO ANTICONCORRENZIALE

Inoltre, Live Nation ha acquisito una serie di società più piccole – cosa che Live Nation ha descritto in documenti interni come l’eliminazione delle sue maggiori minacce, secondo il governo.

Il Dipartimento di Giustizia ha accusato Live Nation di comportamento anticoncorrenziale nei confronti di Oak View Group, una società di locali co-fondata dall’ex presidente esecutivo di Live Nation. Oak View Group ha evitato di fare offerte contro Live Nation quando si trattava di lavorare con gli artisti e ha influenzato le sedi dei concerti a firmare accordi con Ticketmaster, sostiene il governo. Nel 2016, l’amministratore delegato di Live Nation si è lamentato in un’e-mail che Oak View Group si era offerto di promuovere un artista che aveva precedentemente lavorato con Live Nation. L’Oak View Group ha fatto marcia indietro, secondo il governo.

“I nostri ragazzi sono andati un po’ avanti”, ha risposto l’amministratore delegato della società in una e-mail, secondo il governo. “Tutti sanno che non facciamo promozione e che facciamo solo tour con Live Nation”.

LE ATTIVITÀ DI LOBBYING

L’ultima indagine del Dipartimento di Giustizia su Live Nation è iniziata nel 2022. Live Nation ha contemporaneamente incrementato le sue attività di lobbying, spendendo 2,4 milioni di dollari in attività di lobbying a livello federale nel 2023, rispetto a 1,1 milioni di dollari nel 2022, secondo i documenti disponibili attraverso il sito web apartitico OpenSecrets.

Ad aprile, l’azienda ha organizzato una sontuosa festa a Washington prima della cena annuale dell’Associazione dei Corrispondenti della Casa Bianca, con una performance del cantante country Jelly Roll e tovaglioli da cocktail che riportavano fatti positivi sull’impatto di Live Nation sull’economia, come i miliardi che dice di pagare agli artisti.

Su pressione della Casa Bianca, a giugno Live Nation ha dichiarato che avrebbe iniziato a mostrare i prezzi degli spettacoli nei locali di sua proprietà, includendo tutte le spese, comprese quelle extra. La Federal Trade Commission ha proposto una norma che vieterebbe le tariffe nascoste.

Un ex presidente della commissione, Bill Kovacic, ha dichiarato mercoledì che un’azione legale contro la società sarebbe un rimprovero ai precedenti funzionari dell’antitrust che hanno permesso alla società di crescere fino alle dimensioni attuali.

“È un altro modo per dire che la politica precedente ha fallito e ha fallito di brutto”, ha detto.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

Back To Top