.Economia, .Economia / Start up, Economia

Crescita economica cinese, Pechino punta tutto sulle infrastrutture

di

Grande Muraglia cinese

Crescita economia cinese: si ricomincia dalle infrastrutture. Nuove costruzioni di ponti, tunnel, porti, gasdotti, è quello che sta facendo la Cina, ma potrebbe esserci un effetto boomerang. Più indebitamento e meno crescita: un vero problema per Pechino

La crescita economia cinese ha rallentato? Il Paese della Grande Muraglia non si arrende, anzi: punta a stupire ancora il mondo. La Cina punta a far sembrare piccolo persino la Grande Muraglia, rispetto alle opere che ha in cantiere e in via di realizzazione. Per esempio, il tunnel più lungo al mondo, il doppio del tunnel della Manica, che collegherà due città portuali del Nord (al costo di “soli” 36 miliardi di dollari), oppure la Torre di Shangai di oltre 2 mila metri, seconda al mondo solo al Burj Khalifa  di Dubai, alto 2716 metri. O ancora la costruzione del Parco giochi più grande al mondo, sempre a Shangai, con i suoi 225 ettari lo Shangai Disney Resort vuole stupire il mondo. Il tutto costerà 5 miliardi di dollari.

Torre di Shangai

Torre di Shangai

La crescita economica cinese non può fermarsi e il Governo di Pechino, tramite la realizzazione di queste opere pubbliche non vuole rassegnarsi alla diminuzione del Pil, che ha colpito anche Pechino negli ultimi anni. In molti però vedono in questo intervento della “longa manus” pubblica un pericolo per l’economia: vale a dire più debito pubblico.

Gli investimenti in corso a Pechino sono già significativi: la costruzione del gasdotto più lungo al mondo, la costruzione dell’aeroporto più grande al mondo e poi un grandissimo progetto, di 80 miliardi di dollari, per spostare l’acqua del Sud al Nord tramite un percorso di 1500 miglia. Nel solo mese di Novembre sono stati autorizzati investimenti per 21 progetti infrastrutturali del Paese, per un totale di 115 miliardi di dollari.

E’ vero che la Cina ha sempre pensato in grande, mostrando al mondo la sua grandezza di super potenza economica che coniuga tecnica e capacità di stupire tutti, ma questa volta non tutti gli osservatori economici sono concordi nel pensare che un’azione di questo genere possa creare ricchezza, anzi in molti pensano che ci sia poco giovamento per l’economia e molto indebitamento. A fine anno l’indebitamento delle Pubbliche Amministrazioni cinesi ammontava a 3.100 miliardi di dollari, più di un terzo di tutto il valore dell’economia di Pechino. Che potrebbe rivelarsi un bel problema per la crescita economica cinese.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati