skip to Main Content

I giganti cinesi del web all’assalto del mondo

Hong Kong

 

Domenica, l’Alibaba Group, la potente compagnia cinese privata con sede a Hangzhou, una delle aziende leader nel commercio elettronico, che nel 2012, con un fatturato di circa 170 miliardi di dollari di vendite online, surclassò, aggiudicandosi il doppio delle entrate tramite acquisti in rete dei colossi e-Bay e Amazon, ha annunciato che sta preparando il suo ingresso alla borsa di New York piuttosto che a Hong Kong.

Questa operazione, prevista per la fine dell’anno, promette di essere la più clamorosa entrata al numero 11 di Wall Street per una società finanziaria, fin dall’ormai storica entrata di Facebook nel 2012. Il futuro della gestione ordinaria di Alibaba è l’ultimo segno della straordinaria forza del web cinese. Valutati fino a 200 miliardi di dollari, il sito di e-commerce diventa la seconda società Internet al mondo per dimensione, dietro Google. Il suo primo rivale in Cina, Tencent pesa già 165 miliardi di dollari, quasi come Amazon o Facebook. Le azioni della società cinese numero due del Web, coinvolgono la messaggeria, l’e-commerce e i videogiochi, e sono raddoppiate nel corso dell’ultimo anno alla borsa di Hong Kong.

Le aziende informatiche cinesi sono supportate dalla dimensione colossale del loro mercato interno. Ci sono più di 600 milioni di utenti Internet in Cina, ossia due volte il numero degli utenti negli Stati Uniti. Ma questi siti non si limitano a «plagiare» i loro omologhi americani, essendo spesso bloccati dalla censura, hanno sviluppato tecniche molto innovative. “Un cinese medio non usa Facebook o Twitter, anche se disponibili, perché non sono abbastanza buoni per lui”, ha detto Renaud Édouard-Baraud, responsabile per Atelier BNP Paribas dell’Asia. “Alibaba è in prima linea per le formule di pagamento sui mobiles, attraverso il suo servizio Alipay.” Di conseguenza, gli utenti hanno preso presto la fiducia nei pagamenti online, e il reddito dell’e-commerce cinese sarà il primo a superare quello degli Stati Uniti nel 2016, secondo le stime del gabinetto scientifico eMarketer.

Le strategie d’investimento all’estero sono ispirate dall’elettronica di consumo come Lenovo , Huawei e ZTE, che già nel 2000 si avventuravano con i paesi produttori fuori della Cina, e questi gruppi Internet ora sognano di portare la loro esperienza a livello internazionale. Baidu, l’equivalente cinese di Google, ha stretto una partnership con Orange all’inizio del 2013 per creare un browser web e servizi di telefonia mobile in Africa, Tencent ha tradotto il suo servizio di messaggeria istantanea WeChat in molte lingue, riscontrando grandi successi anche in Sud America e Africa. Per questi gruppi, raccogliere fondi a Wall Street è il modo migliore per accelerare questa espansione. Dal 2009, nove delle dieci più grandi aziende cinesi leader del Web hanno investito proficuamente nella Borsa di New York, come calcolato da Dealogic. E il ritmo non sta rallentando, Weibo, un’altra stella cinese, considerata il Twitter d’oltreoceano, arriverà a New York quest’anno, a raccogliere più di 500 milioni.

“Per entrare negli Stati Uniti è anche una questione di riconoscimento “, afferma Thibaut de Smedt , managing partner della banca d’investimento Bryan Garnier & Co. Trading, a New York. “Questo ci renderà un business più internazionale, e capaci di migliorare in trasparenza il nostro gruppo. ” Affermano da Alibaba. L’ azienda è stata fondata nel 1999 da Jack Ma, bypassando il passaggio delle regole della Borsa di Hong Kong che avrebbero impedito al suo fondatore di mantenere il controllo del consiglio d’amministrazione. Twitter , nel frattempo , si sta preparando a competere con Weibo. Il suo amministratore delegato , Dick Costolo , è in Cina questa settimana per ” saperne di più sulla cultura cinese e sul settore tecnologico locale che è in piena espansione . “

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore