Advertisement skip to Main Content

Serie A, cosa cambia per gli abbonati con il nuovo accordo Tim-Dazn

Tim e Dazn hanno annunciato Il nuovo accordo di distribuzione non esclusivo. Tutte le novità per gli abbonati

Tim e Dazn annunciano il nuovo accordo di distribuzione non esclusivo che consentirà ai clienti TimVision di continuare a vedere le dieci partite di ogni giornata del Campionato di Serie A per le prossime cinque stagioni fino al 2029, oltre a tutta l’offerta sportiva della piattaforma globale di intrattenimento e live streaming.

«L’intesa rientra nella più ampia strategia del nostro Gruppo volta a creare la prima “customer platform” italiana di servizi e contenuti di qualità per i nostri clienti, facendo leva sulla forza del nostro brand e dei nostri canali di vendita», spiega in una nota Andrea Rossini, Chief Consumer, Small & Medium and Mobile Wholesale Market Officer di Tim.

COSA COMPRENDE L’OFFERTA

Grazie a questa intesa i clienti TimVision potranno seguire anche alcune tra le competizioni europee come La Liga Portugal Betclic e la UEFA Women’s Champions League. Oltre al calcio, verrà proposto il football americano National Football League (NFL), il basket con la Serie A UnipolSai, le migliori partite della BCL e gli eventi FIBA, la boxe, UFC e il meglio del fighting internazionale.

Disponibili anche gli eventi sportivi trasmessi sui canali Eurosport 1HD e 2HD con i tornei più prestigiosi di tennis come l’Australian Open e il Roland Garros, il ciclismo dal Giro d’Italia al Tour de France, fino agli sport invernali con i Campionati del Mondo di Sci e gli appuntamenti dei Giochi Olimpici estivi e invernali.

DI CHE INVESTIMENTI PARLIAMO?

L’effetto Dazn si è peraltro fatto sentire anche in termini di profit warning. Si ricordi che inizialmente l’impegno richiesto a Tim era di 340 milioni l’anno su 800 che Dazn versava alla Lega Serie A. Il  modello scelto dall’emittente on demand è wholesale e prevede una fee d’ingresso fissa per ogni singola stagione sportiva (la cifra a carico di Tim sarebbe di poco inferiore ai 50 milioni di euro).

Back To Top