skip to Main Content

Come e perché Netflix giochicchierà con i giochi in abbonamento

Netflix Videogiochi

Tutto è pronto, o quasi, per la più grande e capillare somministrazione di videogiochi su abbonamento mai vista finora. Perché se è vero che il concept del pay for play è ormai rodato, è altrettanto vero che Netflix possiede una potenza di fuoco tale, data dal numero degli abbonati, che renderà l’iniziativa di incredibile rilevanza.

COSA SAPPIAMO DELL’INGRESSO DI NETFLIX NEL MONDO DEI VIDEOGIOCHI

L’anteprima la aveva data Bloomberg, in pieno luglio, successivamente confermata in via diretta dall’assunzione come Vice President of Game Development, da parte di Netflix, di Mike Verdu, che di videogiochi se ne intende davvero, avendo lavorato in precedenza per un colosso dell’intrattenimento elettronico come Electronic Arts e pure in Facebook, sempre nell’ambito in questione.

Sempre secondo quanto anticipato da Bloomberg, Netflix proverà a sparigliare le carte nel comparto tenuto saldamente in pugno da Epic Games e Steam per ciò che concerne la fascia PC e Nintendo, Sony e Microsoft per quanto riguarda le console, offrendo all’interno del suo catalogo cinematografico diversi titoli già dal 2022. Si tratterebbe di una sezione inedita che affiancherebbe quelle video e, secondo una fonte interna interpellata dalla stessa Bloomberg, la compagnia, almeno durante il lancio, non avrebbe intenzione di incrementare il prezzo dell’abbonamento, lasciando a tutti gli abbonati la disponibilità di accesso e di gioco in streaming alla libreria videoludica.

 

Non è ancora chiara la portata del catalogo: non sappiamo, insomma, quali distributori di videogiochi abbiano già stretto accordi con Netflix per proporre su quella vetrina i propri prodotti, ma quasi certamente alle produzioni delle terze parti il colosso californiano intende affiancare anche produzioni proprie ed esclusive, proprio come fa già con le serie televisive. Netflix Geeked ha segnalato un tweet di Netflix Polonia che annuncia che in Polonia sono già arrivati sul catalogo i primi giochi mobile Android: Stranger Things: 1984 e Stranger Things 3, tratti da una delle serie tv di maggior successo prodotta proprio da Netflix.

Secondo le prime immagini disponibili, sembra che l’app di Netflix farà comunque passare attraverso Google Play per poter reclamare i giochi Android. Rispetto alle controparti presenti su smartphone, i videogames del catalogo Netflix non contengono pubblicità, non includono acquisti in-app e, più generalmente, non prevedono altre spese aggiuntive: semplicemente, da abbonati, sarà possibile iniziare a giocare subito, a costo zero. Calmate l’eccitazione, però: come prevedibile, questo annuncio di Netflix Polonia conferma che si procederà con test regionali. Insomma, al momento le prime release servono all’azienda solo per individuare eventuali bug e per raccogliere i feedback degli utenti. Superata questa fase si procederà allargando l’iniziativa ad altri Paesi, ma i tempi si allungano.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore