Blog

Matteo Salvini, gli sbuffi di Monti sul Corriere della Sera e i silenzi di Mattarella

di

I Graffi di Damato sui rapporti fra Matteo Salvini e Sergio Mattarella…

Dal giorno dei funerali di Stato delle vittime del crollo del viadotto Morandi a Genova il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, non si è fatto più sentire né vedere.

Il suo è diventato un silenzio davvero assordante di fronte agli sviluppi di una furiosa polemica fra Roma e Bruxelles, con le ripetute minacce dei due vice presidenti del Consiglio di ridurre unilateralmente o di sospendere il versamento delle quote associative all’Unione Europea. E con l’incontro appena svoltosi a Milano, nella sede governativa della Prefettura, fra il vice presidente leghista del Consiglio, nonché ministro dell’Interno, Matteo Salvini e il premier ungherese Victor Orbàn. Alla cui comune aspirazione a cambiare davvero verso all’Europa in direzione del cosiddetto sovranismo si è proposto come antagonista il presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron. Che, in verità, quanto a sovranismo non scherza neppure lui con i respingimenti di immigrati che la sua polizia pratica a Ventimiglia, al confine con l’Italia.

Sullo sfondo della contesa di leadership e quant’altro fra Macron e Salvini il buon Emilio Giannelli nella vignetta confezionata per la prima pagina del Corriere della Sera ha in qualche modo scomodato il presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella. Che ha immaginato in attesa di decapitazione davanti ad una ghigliottina presidiata da Salvini.

Pur con la licenza della satira, Giannelli ha colto nel segno e aiuta a capire il disagio sottinteso al lungo silenzio del capo dello Stato. Che già durante la crisi successiva alle elezioni politiche del 4 marzo avvertì leghisti e grillini con le buone, ma anche con le cattive, intervenendo nella formazione della lista dei ministri, quanto si sentisse garante degli impegni internazionali dell’Italia, delle sue alleanze in Europa e altrove, oltre che dei risparmi degli italiani minacciati anch’essi con i cambi di campo a livello continentale ed extra.

E’ significativo che sia comparso nei giorni scorsi proprio sul Corriere della Sera un editoriale del senatore a vita ed ex presidente del Consiglio Mario Monti per segnalare come i rapporti dell’Italia con gli altri paesi, all’interno e all’esterno dell’Unione Europea, stiano cambiando, se non siano giù cambiati del tutto, senza nessun passaggio parlamentare. Cioè, senza che il governo si fosse premurato di esporre i suoi progetti al Parlamento e di ottenerne il consenso. Che in una Repubblica appunto parlamentare sarebbe il minimo del dovuto.

Resta ora da capire se il capo dello Stato continuerà a rimanersene silenzioso, aspettando magari che tutti i problemi, emersi e sommersi, vengano come nodi al pettine nel cantiere della legge sul bilancio, al rientro del ministro dell’Economia Giovanni Tria dal suo viaggio in Cina, o non si convincerà invece della opportunità, o necessità, di intervenire anche prima, temendo che si faccia troppo tardi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati