Energia

Nasce a Torino il “Guscio” del Museo A come Ambiente

di

Il Museo A come Ambiente di Torino, il primo museo europeo dedicato all’ambiente e alla sostenibilità, cresce e si amplia. Mercoledì 16 maggio è stato inaugurato il Padiglione Guscio, la nuova area destinata ad accogliere eventi, mostre temporanee e iniziative divulgative. Il Padiglione vedrà il suo “battesimo del fuoco” il prossimo 13 settembre, con l’apertura della mostra Out to Sea – The Plastic Garbage Project.

Mercoledì mattina a Torino erano presenti, oltre al presidente del MAcA Agostino Re Rebaudengo e al direttore Paolo Legato, vari rappresentanti delle istituzioni e del mondo produttivo torinese e non solo. C’erano l’assessore regionale alle attività produttive del Piemonte Giuseppina De Santis, l’assessore all’ambiente di Torino Alberto Unia, la consigliera della Città Metropolitana di Torino Anna Merlin, Mauro Libè consigliere del ministro dell’Ambiente, l’ambasciatore della Colombia Juan Mesa Zuleta e il presidente della Società Metropolitana Acque Torino Paolo Romano.

Il Guscio, una struttura a quarto di cilindro, occupa un’area di 245 metri quadrati ed è sovrastato da una copertura curvilinea in fogli di zinco-titanio. È stato progettato dall’architetto Agostino Magnaghi ed è stato pensato per iniziative destinate a un pubblico vasto. È inserito nel MAcA, che dal 2004 offre spazi creativi, laboratori e percorsi didattici finalizzati alla diffusione della cultura della sostenibilità.

Secondo il presidente Re Rebaudengo «la formazione di cittadini più attenti alle questioni legate all’ambiente, all’inquinamento e alla gestione delle risorse è un terreno sul quale si gioca buona parte del nostro futuro sul Pianeta. L’inaugurazione del Padiglione Guscio amplia l’offerta culturale del Museo offrendo uno spazio per mostre e iniziative».

Unia e De Santis hanno sottolineato la collaborazione istituzionale fra Regione e Comune, ribadendo come la discontinuità politica fra l’attuale amministrazione guidata da Chiara Appendino e quella precedente di Piero Fassino non abbia compromesso la realizzazione del progetto. «Siamo arrivati a un punto in cui al di là delle differenze politiche e di partito la consapevolezza dell’importanza dell’ambiente è ormai cosa nota e diffusa e palpabile – ha detto Unia – Questo è un polo molto importante per chi crede nell’ambiente e nell’economia circolare».

Il direttore Legato ha presentato la prima mostra che sarà ospitata nel Guscio, The Plastic Garbage Project. Si concentrerà sul tema della plastica abbandonata in mare ed è realizzata dal Museum für Gestaltung Zurich con il supporto della Drosos Foundation.

Fra i soci del MAcA oltre a Smat, Comune e Città Metropolitana di Torino figurano Amiat e Reale Group.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati